© 2020 by VANESSA RUSCI

  • Facebook Black Round
  • Instagram Black Round
  • Twitter Black Round
  • Vimeo Black Round
 
 
 
 
 
 
 
 

MANI E VOLTI DEL MONDO

Il progetto nasce nel 2009, pensai a un lavoro che parlasse della razza umana, un progetto contro il razzismo e gli slogan Leghisti.

 

Una ricerca e una riflessione sull'uso e sul significato di Extracomunitario.

Chi è l'Extracomunitario?

Colui che ha nazionalità esterna alla comunità europea...

 

Inizio il progetto, cerco extracomunitari, incontro Canadesi, Norvegesi, Peruviani, ma poi comprendo che il mio progetto non può rimanere vincolato alla parola Extracomunitario, deve allargarsi nel concetto di razza umana.

 

E così la sfida: trovare in Toscana, un rappresentante di ogni paese del mondo.

 

Ero e sono stanca di sentire slogan razzisti della Lega che inneggiano a differenze e a lotte di razza. Ho cominciato a intervistare gli immigrati che incontravo e a fotografarli,

i loro volti e le loro mani. Sono stati incontri incredibili, bellissimi, che mi hanno presentato un'altra Italia, quella dell'incontro e del dialogo, quella della convivevenza e della civiltà. Di qui la scelta di inserire molti Italiani, quelli dell'Italia dell'incontro appunto.

Il progetto venne preso per una campagna publlicitaria di Eurolegno, grande azienda del nord Italia che si occupa di legnami, per un particolare progetto ideato dalla Professoressa Emanuela Zilio, My Floor, un franchising di pavimenti in legno provenienti da tutto il mondo. Le mie immaigni furono usate all'interno di questi store che volevano riproprre le atmosfere dei paesi di provenienza del legno, attraverso le mie immagini ma anche attraverso profumi e musiche.

 

Le mie immagini sono state usate negli store di Alessandria, Milano, Genova, Torino e in alcune sedi del Belgio e Germania.

Se sei un immigrato e vivi e lavori in Italia e ti va di far parte del mio progetto contattatami tramite questo format.

Non sono previsti compensi per le fotografie!

 

Eurolegno avrebbe dovuto finanziare un catalogo e la mostra di questo lavoro ma a seguito dell'interruzione della collaborazione con la Professoressa Zilio, il progetto non è stato finanziato.

Ed è rimasto in standby fino ad oggi.

A breve inizierà una campagna di Crowfounding per la raccolta di fondi per la mostra e per la realizzazione del catalogo.Non ho però smesso di scattare le fotografie e continuo anche adesso.